giovedì 19 gennaio 2017

Recensione "Carve the Mark. I predestinati" di Veronica Roth (Carve the Mark #1)

Buongiorno! :D
Pieno periodo di esami, ma ho voluto assolutamente condividere i miei pensieri su questa recentissima uscita di Mondadori... ebbene si! Veronica Roth è tornata, e più carica che mai! Lo scorso anno ho avuto anche la possibilità di incontrarla e avere un suo autografo su Divergent, come spero tanti altri di voi in quelle tre pazze giornate di firmacopie.. :D
Con Carve the Mark diamo il via ad una nuova duologia dell'autrice, un via dato in contemporanea da tutto il mondo, data l'uscita simultanea!
Quindi di seguito trovate la mia recensione.. fatemi sapere se anche voi lo avete già divorato e cosa ne avete pensato! ;)
P. S. Spero perdonerete l'intestazione ancora in tema natalizio, ma sono giorni pienissimi! xD


Titolo: Carve the Mark. I predestinati
Titolo originale: Carve the Mark
Autore: Veronica Roth
Serie: Carve the Mark
Genere: Sci-Fi, Young Adult, Distopico
Editore: Mondadori
Pagine: 427

La serie:
1. Carve the Mark. I predestinati, 2017 (Carve the Mark, 2017)
2. INEDITO (Untitled, 2018)
Trama:
In una galassia percorsa da una forza vitale chiamata corrente, ogni uomo possiede un dono, un potere unico e particolare, in grado di influenzarne il futuro. CYRA è la sorella del brutale tiranno che regna sul popolo shotet. Il suo dono, che le conferisce potere provocandole allo stesso tempo dolore, viene utilizzato dal fratello per torturare i nemici. Ma Cyra non è soltanto un'arma nelle mani del tiranno. Lei è molto più di questo. Molto più di quanto lui possa immaginare. AKOS è il figlio di un contadino e di una sacerdotessa-oracolo del pacifico popolo di Thuvhe. Ha un animo generoso e nutre una lealtà assoluta nei confronti della famiglia. Da quando i soldati shotet hanno rapito lui e il fratello, l'unico suo pensiero è di liberarlo e portarlo in salvo, costi quel che costi. Nel momento in cui Akos, grazie al suo dono, entra nel mondo di Cyra, le differenze tra le diverse origini dei due ragazzi si mostrano in tutta la loro evidenza, costringendoli a una scelta drammatica e definitiva: aiutarsi a vicenda a sopravvivere o distruggersi l'un l'altro. Carve the Mark - I predestinati è un racconto sul potere, l'amicizia e l'amore in una galassia carica di doni inaspettati.

Voto:

fiorefiorefiorefiorefiore

La mia recensione:

Il ritorno di Veronica Roth è stato un evento che il mondo stava aspettando e che ha saputo anche accogliere immensamente bene! La dibattutissima saga di Divergent (chi per osannarla, chi per contestarla) ha fatto parlare tanto e quindi la curiosità in merito a questo libro era alta! 
Partiamo quindi dai fatti base: il 17 gennaio è uscito in contemporanea in tutto il mondo Carve the Mark. Direi che le 33 lingue in cui è stato tradotto per l'uscita simultanea coprano tutto il globo. In questi giorni quindi milioni di persone avevano e hanno in mano una copia di questo libro (cartacea o virtuale che sia) e quindi è come se tutti fossimo in un'altra galassia a vivere la storia di Cyra e Akos.
Per una uscita del genere, scelta azzeccatissima il mantenimento della stessa copertina ovunque, seppur con le minime variazioni dei paesi, perchè si sa: agli editori piace cambiare (non è che in verità siano scale di Hogwarts quindi? :P ).
La copertina è fichissima! Se avete l'edizione cartacea avrete notato anche il diverso materiale, per poi toglierla e rivelare anche la mappa del sistema solare! Questa la si trova anche all'interno delle pagine, ma ho trovato tremendamente utile poter chiudere un secondo il libro e controllare dove si trovasse questo o quel pianeta. Certo, anche la mappa di Thuvhe mi sarebbe piaciuta, ma non possiamo avere tutto no? 
E passiamo quindi al succo del libro: narrazione da parte di Cyra (in prima persona) e Akos (in terza), che non ho capito al 100%, ma non mi ha creato alcun problema. Non ho una preferenza sulla narrazione in prima o in terza, quanto invece amo il fatto che ci siano più punti di vista in un libro. Ti permette di entrare nella testa dei personaggi, ed è un qualcosa di tremendamente affascinante.
A parte l'iniziale difficoltà a recepire tante informazioni nuove su personaggi, luoghi e tradizioni, oltre alla rapidità con cui ci si muove all'inizio, poi la storia prende il via e il ritmo e ci siamo. Credo che le due storie, di Cyra e Akos, che per forza di cose si intrecciano, siano davvero coinvolgenti. Il dono di Cyra è centrale in tutto questo. Prova dolore e provoca dolore, e fin da piccola ha dovuto rinunciare al contatto umano, che si potrebbe sottovalutare finché non ci si trova a doverne essere privati. Cyra quindi si è costruita una certa personalità e barriera cercando di affrontare il dolore e un fratello che la sfrutta. L'arrivo di Akos fa cambiare tutto, ma quello che mi è piaciuto di più è che se anche il motivo per cui si sono trovati (da leggere: obbligati) a incontrare sia il potere di lui, è che effettivamente non è centrale. Certamente lo usa, ma sono altre le cose che li fanno avvicinare DAVVERO: le sue capacità e il suo modo di capirla, più che il suo donocorrente. Non un contatto fisico quanto un contatto affettivo. Akos è dolcissimo, e guardando anche al suo doloroso passato è incredibile come possa essere diventato così negli anni. Ha molta più forza di tanti altri, e per Cyra diventa un elemento fondamentale della sua crescita. 
Per chi già conosce Veronica Roth saprà che è abilissima a creare tradizioni, popoli, divisioni... In questo libro ne abbiamo una visione più ampia per quanto riguarda thuvesiti e shotet, e qualche accenno agli altri pianeti. In particolare le tradizioni del popolo Shotet e della loro ripesca mi hanno affascinato, tanto quanto l'amore di Cyra per tutto questo. Pianeti diversi, tutti connessi dalla corrente, e ogni abitante con il proprio donocorrente. Il tutto condito dai Predestinati e il loro fato.
Ovviamente spero che trattandosi di una duologia non vi aspettiate un HAPPILY EVER AFTER, vero? xD
C'è ancora tantissimo da scoprire e spero che il viaggio nel secondo libro sarà emozionante tanto quanto il primo! :D
Consigliato!! 

Baci,
Vale


1 commento:

  1. Grazie Vale, ho apprezzato molto la tua recensione fresca e diretta.

    RispondiElimina